Pubblicità

Giancarlo Cancelleri, viceministro alle Infrastrutture, ha reso uno stanziamento da 313 milioni per l’ammodernamento delle reti idriche in alcune Regioni.

Ieri è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il bando del MIMS che stanzia 313 milioni per i progetti di rifacimento o ammodernamento delle reti idriche nelle regioni del Sud (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia).

La Sostenibilità non può assolutamente prescindere dalla qualità delle reti idriche per diminuire ai minimi termini la dispersione di acqua che purtroppo proprio nelle regioni del Sud si registra con percentuali altissime.

Adesso gli enti locali delle regioni del Sud hanno 45 giorni per presentare progetti validi e conformi alle nuove indicazioni europee di sostenibilità.

Fra le 5 regioni maggiormente colpite dalla dispersione dell’acqua e dall’inefficienza delle reti idriche c’è la mia terra, la Sicilia, conosco bene il problema ed è per questo che ci siamo battuti per ottenere fondi europei da dedicare a questa esigenza. Nell’ Isola abbiamo reti idriche vetuste e logore.

Siamo nel 2021 e il diritto all’acqua non è ancora una certezza in tante zone della Sicilia. In alcune zone dell’isola i siciliani fanno i conti con una sistematica interruzione della fornitura idrica e con una turnazione imbarazzante. Una questione atavica che va risolta e con questo bando cominciamo a fare il primo passo.

L’attenzione del Governo c’è, i fondi sono stati assegnati, adesso servono progetti validi, ora tocca alle Regioni ed ai loro Enti sfruttare al meglio questi fondi, queste sono azioni che oltre a migliorare la qualità dei servizi offerti, sono volte al rispetto dell’ambiente e delle tasche dei cittadini.