Locandina Pirati a Palermo a Licata con Francesco PiraVerranno ricordati in grande stile i venticinque anni dalla morte della cantante folk licatese Rosa Balistreri. L’occasione sarà data da “Pirati a Palermo”, spettacolo che si terrà domenica al teatro Re con inizio alle ore 21 curato dall’associazione teatrale Liberamente e dai QuelkedCesare. Ad aprire l’evento sarà la testimonianza del giornalista Francesco Pira, l’ultimo a raccogliere una testimonianza video della cuntastorie. “Pirati a Palermo” è il titolo dello spettacolo nato dalla collaborazione dei QuelkedCesare, il gruppo fondato dal cantautore siciliano Cesare Lo Leggio e dalla compagnia teatrale “Liberamente” della regista Marina Barbera con cui abbiamo parlato dell’iniziativa. “La cosa importante per noi sarà ascoltare Rosa – le sue parole – e per il venticinquesimo anniversario della sua scomparsa ci è sembrato doveroso che Licata non la dimenticasse. Rosa sarà ricordata con dei momenti diversi – continua Marina Barbera – che però fra di loro sono stati omogenizzati per dare la giusta rilevanza a questa artista”. La regista dell’associazione “Liberamente” è poi scesa nel dettaglio spiegando che “cercheremo di rendere Rosa meno mito e più persona, più donna. Inizieremo con un intervento di Francesco Pira, uno degli ultimi a intervistarla. Poi ci sarà un momento musical-teatrale con un connubio tra la musica dei QuelkedCesare e le parole di Rosa recitate dalle attrici dell’associazione Liberamente”. Lo spettacolo, presentato in anteprima a Giugno all’Expo di Milano, è teatro Re Grillosoprattutto un viaggio nelle coscienze e nelle emozioni più profonde. “Pirati a Palermo” è un excursus fra canzone d’autore e tradizionale siciliana, fra musica e teatro, con reinterpretazioni e arrangiamenti originali delle canzoni di Rosa, completate dal repertorio dei Quelked Cesare e dalle incursioni teatrali degli attori di “Liberamente” che rappresentano i momenti salienti della vita di Rosa che diventa emblema della lotta di emancipazione e di libertà delle donne e del popolo siciliano. Ecco i nomi dei protagonisti dell’evento a partire dai Quelked Cesare: Cesare Lo Leggio: voce e chitarra acustica; Tommaso Minacori: chitarra elettrica/acustica, cori; Angelo Cala’: basso; Gino Erba: batteria. Questi invece i partecipanti dell’associazione teatrale “Liberamente”. Regia: Marina Barbera. Il narratore e gli uomini di Rosa: Salvo Ritrovato; Le donne di Rosa: Sonia Morello; La voce di Rosa: Antonietta Cantavenera; I pensieri e le emozioni di Rosa: Gloria Incorvaia, Daniela Mulè; Scenografie: Pietro Platania. “La prospettiva è stata ribaltata – conclude Marina Barbera – non siamo noi licatesi a parlare di Rosa, ma è proprio Rosa che esprime i suoi pensieri, le sue emozioni e la sua storia. Il conoscere Rosa Balistreri e ascoltare le sue canzoni ci ha commosso”.