Il Comune spenderà tutti i 160mila euro finanziamenti dal Miur per la fornitura di arredi scolastici idonei a favorire il necessario distanziamento degli studenti. Il tecnico dell’Ente Maurizio Furnò ha infatti redatto un progetto che prevede interventi di adeguamento e di adattamento funzionale degli spazi e delle aule didattiche in conseguenza dell’emergenza sanitaria da Covid-19. Il computo totale è di 159.998,03 euro e la previsione d’acquisto riguarda 2400 banchi monoposto di scuola primaria e secondaria, nove banchi per alunni diversamente abili, 150 sedie per le prime due classi delle scuole primarie, 320 sedie per le classi terze, quarte e quinte della primaia e 409 sedie per la scuola secondaria superiore. Gli arredi andranno a collocarsi in diciotto edifici di pertinenza comunale: la materna, elementare e palestra della Leopardi, la scuola media e la palestra della Bonsignore, l’elementare Parla di via Carso, la media, palestra e il refettorio della Guglielmo Marconi, l’elementare e la materna della Don Milani, elementare e materna della Vincenzo Greco, l’elementare e materna della Serrovira, le classi e la palestra della Quasimodo, l’elementare Badia, la media De Pasquali, l’asilo Olimpia e la scuola elementare Dino Liotta. Il Comune spiega che “con riunione verbalizzata tenutasi in data 1 Luglio 2020 con i Dirigenti Scolastici presso il Dipartimento Lavori Pubblici, è risultato prioritario, per il contenimento del contagio dal virus Sars-CoV-2, procedere alla fornitura di arredi scolastici: banchi monoposto e sedie”. La fornitura è stata pertanto richiesta dopo un consulto con i presidi delle scuole di pertinenza comunale. L’acquisto verrà gestito direttamente dal Comune alla luce del fatto che “le regole ordinarie affidano agli Enti Locali il compito istituzionale di provvedere all’acquisto degli arredi scolastici”.