fontanelle via PalmaLa costituzione di un Tavolo Tecnico Permanente per il monitoraggio della situazione idrica cittadina, composto da Asp, Siciliacque, Girgenti Acque e Amministrazione comunale (peraltro ente proponente), è uno dei punti concordati questa mattina nel corso della Conferenza di servizio tenutasi a Palazzo di Città su decisione del Vice Sindaco, Angelo Cambiano,  disposta a seguito dell’emanazione rogazione dell’ordinanza n° 14 di ieri l’altro, con la quale ha disposto il non utilizzo dell’acqua erogata nel Comune di Licata per usi potabili.  Il provvedimento, com’è noto è scaturito dall’esito delle analisi effettuate su campioni di acqua prelevati il 13 febbraio che ha riscontrato presenza di acqua “colore giallognolo non accettabile” e durezza totale inferiore al valore massimo consentito dal decreto legislativo n° 31 del  2001. All’incontro presieduto dal Vice sindaco, Angelo cambiano, hanno partecipato l’Assessore alle risorse idriche, Girgenti-Acque-1Carmelo Sambito, il comandante della P.M., Giovanna Incorvaia ed il perito Giuseppe Ingiaimo per l’Amministrazione comunale, il comandante dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Licata T.V. Luca Montenovi, la dottoressa Russo e il geometra Iacona di Siciliacque, il dottor Giuffrida e il dottore Vetro di Girgenti Acque, le dottoresse Mangione e Casa dell’Asp. In quanto alla crisi attuale dovuta all’esito delle analisi di cui sopra, i responsabili di Girgenti Acque hanno assicurato che entro martedì prossimo si avrà l’esito delle ulteriori analisi per l’accertamento della potabilità dell’acqua ed il conseguente ritorno alla normalità.  Inoltre, sempre su richiesta dell’Amministrazione comunale, e nello spirito di collaborazione tra i quattro enti chiamati ad assicurare il servizio e garantire la qualità dello stesso a tutela della salute pubblica,  è stato chiesto a Girgenti Acque di avere un rapporto trimestrale, da pubblicare anche sul sito del Comune, sulla qualità dell’acqua erogata a Licata.