Palazzo_Prefettura_AgLa Consulta ha dichiarato l’illegittimità costituzionale della riforma delle Province contenuta nel decreto Salva Italia e il loro riordino, che ne prevede la riduzione in base ai criteri di estensione e popolazione. Non è materia da disciplinare con decreto legge, hanno stabilito i giudici costituzionali. La decisione potrebbe non avere influenza in Sicilia, considerato che la Regione è a statuto speciale e ha potestà legislativa esclusiva in materia. L’Ars ha infatti approvato il riordino con una propria legge. Vero è anche che questa decisione potrebbe influire sul successivo percorso di riorganizzazione che prevede entro dicembre la nascita dei consorzi al posto delle disciolte province.

Fonti: Ansa e LiveSicilia