Fare del vittimismo, scaricare sugli altri le responsabilità dello sfascio è il leitmotiv della giunta Graci. “Questa situazione l’abbiamo trovata”. “Non dormiamo la notte: anche noi viviamo a Licata, tra i rifiuti”. Sono parole del Sindaco sin dal suo insediamento. Cui si aggiungono ora, nella fase acuta dell’emergenza rifiuti, quelle del suo vice, Salvatore Avanzato: “In tutti i comuni dell’Ato AG3, anche in quelli più indebitati del nostro, la raccolta viene effettuata: solo a Licata i mezzi sono fermi”. Sappiamo che non è solo colpa dell’Amministrazione comunale se la città è sommersa dai rifiuti e se il problema si aggrava ogni giorno. Se la Dedalo Ambiente è commissariata ci sarà senz’altro una ragione. Che  riguarda la sua efficienza e soprattutto la sua gestione complessiva. Compresa, dunque, la gestione pregressa. Oggi il vicesindaco lascia intendere, con le sue dichiarazioni, che Licata sia discriminata dalla Dedalo. Forse, interpretando il suo pensiero, per la mancata votazione del bilancio della Società da parte del Sindaco di Licata o di chi in quella seduta lo rappresentava. O forse – cosa ancora più grave – per la decisione del Comune capofila di abbandonare l’attuale Società d’ambito e di aderire all’Ato CL2, che comporterebbe minori spese. Se le cose stanno come il vicesindaco lascia immaginarle, beh si faccia allora un pubblico dibattito tra il sindaco, la giunta e il commissario liquidatore della Dedalo nell’aula consiliare alla presenza della stampa, di quanti più cittadini e della televisione per conoscere tutta la verità sulla mancata raccolta dei rifiuti e soprattutto per risolvere il problema. Che è diventato assurdo, insostenibile e vergognoso. Un’ultima considerazione. Il Pd ha organizzato una conferenza programmatica ad Agrigento per la settimana prossima, il cui tema è “I territori agrigentini oltre la crisi”. Un tema manifestamente demagogico. Senza la campagna elettorale di mezzo, questa conferenza siamo certi che non ci sarebbe stata. La conferenza avrebbero dovuto farla sui rifiuti, il problema in questo momento più attuale e urgente per i cittadini di Licata e di Agrigento e per i netturbini da mesi senza salario. Dovrebbero farsi in quattro per risolverlo,sotto le elezioni, questo problema. Invece lo ignorano. Lo ignorano tutti. E parlano d’altro. Tanto i voti li prendono lo stesso.

Gaetano Cellura