image018I Carabinieri del Reparto Operativo – Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Agrigento, nei giorni scorsi hanno notificato a sette imprenditori della zona, informazione di garanzia emessa dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo nell’ambito dell’operazione D.N.A.  risalente al 2008, relativa ad un’associazione per delinquere di stampo mafioso operante nella fascia costiera  compresa tra i Comuni di Porto Empedocle e Realmonte, dedita alle estorsioni in danno di imprenditori locali. L’attività svolta dai Carabinieri del Comando Provinciale di Agrigento, coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo, nell’ottobre del 2011 aveva consentito di procedere all’arresto, in esecuzione di provvedimento coercitivo, di quattro persone accusate, per l’appunto, di essere i responsabili di una serie di condotte illecite. Le indagini erano iniziate nel luglio del 2007 e si erano protratte per circa due anni, consentendo di far luce su una serie di attività criminali poste in essere con l’azione intimidatoria del vincolo associativo esistente tra gli indagati, che imponevano il collocamento al lavoro di soggetti vicini all’organizzazione mafiosa, pilotando le assunzioni nelle maggiori aziende del territorio, oppure facendosi praticare ingenti sconti nel pagamento della merce prelevata. Sostanzialmente, i sette soggetti colpiti dall’informazione di garanzia, avendo deposto quali testimoni innanzi al giudice, sono indiziati di avere affermato il falso, negando quanto inizialmente dichiarato nel corso delle indagini e comunque taciuto, anche parzialmente, quanto di loro conoscenza, escludendo quindi in una fase successiva di avere mai ricevuto richieste estorsive da appartenenti a “Cosa Nostra”.