San_Giuseppe_Maria_Tomasi_ADomenica scorsa ricorrevano i 28 anni dalla canonizzazione di San Giuseppe Maria Tomasi da parte di Papa Giovanni Paolo Secondo.  Anche quest’anno è la parrocchia Beata Maria Vergine Immacolata a celebrare la solennità del compatrono di Palma.

La festa sarà celebrata domenica prossima ovvero, come avviene ogni anno, la terza del mese di ottobre, ma già domenica scorsa si sono avviate le iniziative di preparazione alla festa con una celebrazione eucaristica d’intronizzazione del Reliquario, presieduta da don Lillo Maria Argento. Questa sera, invece, a partire dalle 17,30 è prevista la recita del S. Rosario, la coroncina in onore del santo, la lectio magistralis  e la messa che sarà presieduta dall’ex parroco don Rino Lauricella, attualmente direttore del Centro per il culto e la liturgia. Giovedì il programma prevede in mattinata la recita della coroncina la messa, mentre nel pomeriggio l’adorazione eucaristica presieduta dal vice parroco don Arthur Tshipuita Mfuamba.

Particolare sarà la giornata di venerdì poiché nel pomeriggio, dopo la recita del rosario alle 18,00, avrà luogo in piazza Bonfiglio la Festa del perdono presieduta da don Mario Bellanca, parroco della chiesa della trasfigurazione del Villaggio Giordano. E’ prevista, inoltre, la pendola della carità: la comunità dei fedeli è invita a digiunare e a saltare il pranzo, mettendo la somma che si sarebbe spesa nella pendola. Il ricavato sarà utilizzato per aiutare alcune famiglie palmesi indigenti. Sabato, vigilia della festa, dopo il rosario delle ore 17.30 e la recita della coroncina delle 18,00, è prevista la recita dei primi vespri e la messa celebrata don Luigi Lo Mascolo.

Infine, domenica dopo la messa solenne, presieduta da don  Lillo Maria Argento, si porterà il simulacro del santo in processione per le vie del paese.