Homepage Politica Presunta spaccatura nella Lega, Annalisa Tardino non ci sta

Presunta spaccatura nella Lega, Annalisa Tardino non ci sta

1562

Elezioni Europee, la candidata licatese della Lega Salvini Annalisa Tardino respinge le accuse di spaccature in seno al partito, soprattutto con la parte ragusana della Lega. Ecco la nota di Annalisa Tardino.

Nessuna conflittualità interna alla Lega da parte di chi sostiene la candidata Tardino, né gli altri candidati.
Si rimane basiti per la falsa notizia oggi riportata sul Giornale di Sicilia e su media locali ragusani in ordine all’esplulsione dal partito di un sostenitore di Gelarda da parte del direttivo provinciale di Ragusa o addirittura da parte del responsabile regionale enti locali Fabio Cantarella che non solo sconosce i fatti in questione ma addirittura i soggetti coinvolti in questa incredibile vicenda.
Non solo nessuno degli interessati ha avuto rapporti diretti con il sostenitore del candidato Gelarda, ma giammai vi é stata minaccia alcuna di espulsione dal partito: non esiste alcuna mail, non esiste una sola telefonata ma è tutto inventato.
Nessuno di coloro denunciati ha, inoltre, potere di espellere alcuno essendo tale
Prerogativa esclusiva del commissario regionale Stefano Candiani.
La campagna elettorale della candidata Tardino si muove nella lealtà e nel risposto dei competitors da parte della stessa e dei suoi sostenitori.
Tali notizie rappresentano un tentativo mal riuscito di intaccare la compattezza della squadra di partito che sta lavorando e continua a lavorare – sostiene la candidata Tardino- per portare la lega ad essere il primo partito in Sicilia e per eleggere il miglio rappresentate in Europa.
Invitiamo tutti a concentrarsi sulla propria campagna elettorale e sulla ricerca di un sano consenso. Nei prossimi giorni valutaremo ogni azione legale a tutela del partito e dei singoli suoi esponenti coinvolti senza motivo in una vicenda creata ad hoc per favorire la campagna elettorale di chi pensa di poter agire in questo modo senza il minimo rispetto del codice etico.

Annalisa Tardino