Homepage Politica Teatro Re, 250mila euro per riqualifica. Pullara: “Ecco la Regione in Comune”

Teatro Re, 250mila euro per riqualifica. Pullara: “Ecco la Regione in Comune”

540

Fondi in arrivo per il teatro Re. L’impianto di corso Vittorio Emanuele usufruirà di un finanziamento regionale per la riqualificazione. L’annuncio è del parlamentare regionale Carmelo Pullara.

Tra i 161 teatri siciliani che hanno ottenuto dalla Regione il finanziamento – progetto dell’architetto Marcello Grillo – per la riqualifica c’è anche quello di Licata.

Al Teatro Re sono stati assegnati 250mila euro, che serviranno per la ristrutturazione e l’adeguamento del presidio culturale.

“A tal proposito – dice l’On.le Carmelo Pullara, Presidente Gruppo Parlamentare Autonomisti e Popolari Idea Sicilia – mi congratulo anche con le altre amministrazioni agrigentine, che si sono aggiudicate il finanziamento e ringrazio personalmente il Presidente Musumeci per il suo attivo contributo dato, anche in qualità di Assessore regionale ai beni culturali ad interim, così come tutti i deputati agrigentini.

Insomma, un lavoro di squadra che ha centrato l’obiettivo, il cui cammino – prosegue Pullara – ho seguito passo dopo passo, fino al raggiungimento del risultato per la città, avviato già dalla vecchia Giunta “targata Pullara”, che ho contribuito a costruire, insieme all’ex vicesindaco Angelo Vincenti, che nonostante l’impegno e le competenze dimostrate, non è stato riconfermato nell’attuale Giunta, così come tutti gli altri.

Molti dubitavano dell’arrivo del finanziamento e si erano anche opposti, per motivi per lo più pregiudiziali. Ora ci attendiamo un ravvedimento alla luce del risultato ottenuto. Questo – sottolinea Pullara – è il modo migliore per concretizzare lo slogan “La Regione in Comune”, che ha permesso l’elezione del Sindaco Pino Galanti.

La programmazione ha i suoi tempi e anche se sono deputato da meno di due anni e l’amministrazione è in carica da uno, alla fine i risultati arrivano e ricordo – aggiunge Pullara – che questo è già il terzo di una serie che continuerà.

Il primo, con finanziamento dell’Assessorato Mobilità e Trasporti, è stato quello del nuovo terminal degli autobus con interscambio, che sorgerà in Piazzale Baldoni, seguito dall’ex Assessore Salvatore Lombardo e per il quale altri Assessori, che oggi si sono titolati del finanziamento, hanno invece solo svolto un ruolo puramente formale.

Ricordo, infatti – prosegue Pullara – che il Comune si trovava senza un Terminal bus dopo la vendita di Piazzale Martiri delle Foibe ad un privato da parte di Ferrovie dello Stato e adesso potrà disporre di uno scalo moderno e funzionale alle esigenze dei cittadini, secondo quanto previsto dalla Legge Regionale 8 Maggio, 2018, che ho approvato insieme in Parlamento insieme ai miei colleghi, per favorire il decongestionamento dei centri urbani e l’interscambio con i sistemi di trasporto collettivi.

Il secondo è quello da 250mila euro per le caditoie che, una volta a regime, darà una grossa mano al Comune nella prevenzione dei rischi di natura idrogeologica. C’è poi anche un altro iter – aggiunge Pullara – a cui il Comune non ha inspiegabilmente dato seguito: quello dell’inserimento del Porto di Licata nelle ZES, per cui ho lavorato a lungo, e il cui bando per i KM residui prevedeva anche l’estensione delle agevolazioni all’Area artigianale, sulla quale però il Comune è colpevolmente rimasto in silenzio.

Ci tengo a ribadire – conclude Pullara – che quello relativo al Teatro è un risultato, a cui ha lavorato la precedente Giunta comunale e non questa, con la quale il Sindaco Galanti ha disconosciuto chi ne ha permesso l’elezione e agevolato il cammino da amministratore”.