Homepage Giovani e scuola Plesso Peritore, ristrutturazione ok. La scuola è tornata a posto

Plesso Peritore, ristrutturazione ok. La scuola è tornata a posto

178

La scuola elementare Peritore di via Pastrengo torna nella piena disponibilità del personale docente e amministrativo e, soprattutto, degli studenti. Completati gli interventi di ristrutturazione.

“Quest’inverno – le parole del Sindaco Galanti – vengo messo a conoscenza, da alcune mamme di bambini che frequentano la scuola Peritore, dello stato di abbandono in cui versava la scuola: palestra chiusa da più di 9 anni, cornicioni e ringhiere pericolanti, vie di fuga bloccate, bagni quasi inagibili, infiltrazioni d’acqua sul tetto. Davo subito disposizioni all’assessore ai Lavori Pubblici Antonio Pira di fare un urgente sopralluogo con gli uffici e di relazionarmi il tutto. L’assessore pertanto, accompagnato dai tecnici dell’ufficio tecnico, si recava presso la scuola e, constatato lo stato di abbandono della stessa predisponeva interventi rapidi ed urgenti. Con casse vuote e criticità varie dell’Ente, in pochi mesi abbiamo restituito la palestra ai bambini, eliminati i pericoli, liberate le vie di fuga, ripristinati ringhiere, cornicioni e bagni.
Ringrazio l’assessore ai Lavori Pubblici Antonio Pira e i tecnici del Comune, i quali tra tante difficoltà giornaliere hanno risolto i problemi ed hanno permesso ai bambini la normale fruizione di luoghi prima inagibili. Insieme si cerca di risollevare il paese”.

“Sono soddisfatto del lavoro, ora si passerà alla Parla – afferma l’assessore ai Lavori Pubblici Antonio Pira – l’impegno è costante i risultati sono proporzionati alle risorse. Ora siamo concentrati a recuperare il gap sulla differenziata, purtroppo non voluto. La città quella Sana e libera da condizionamenti vede il nostro impegno costante. La città è consapevole dei disastri ereditati, uffici svuotati, anche dalla quota 100. Svuotati il ogni ordine e grado. Montagna di debiti, però noi non ci scoraggiano e andiamo avanti per la nostra strada. Ai pochi disfattisti non resta che fare cortile su Facebook. Oggi non abbiamo tempo per le polemiche”.