Homepage Cultura Scrivere con la luce, ovvero la fotografia che racconta

Scrivere con la luce, ovvero la fotografia che racconta

104

Assume la direzione un ruolo importantissimo. Un buon uso della luce (che attraverso lo studio e la conoscenza può definire il nostro stile, esattamente come lo stile linguistico che differenzia uno scrittore da un altro) e della sua direzionalità, ci permette di generare lo spazio visivo che vogliamo raccontare. A differenza della luce che crea immagini, l’ombra nasconde, enfatizza, crea suspense, racconta la luce. Dopo questa premessa necessaria, possiamo affermare che la foto ci permette di rileggerci, di assumere uno sguardo critico sul passato, è testimonianza. Avviene nell’improvvisazione e più spontanea è più parla per noi, ci racconta. Difficilmente può essere circoscritta nell’inquadratura che alle volte evita ( come se si volesse scrivere omettendo la descrizione, rendendo il racconto privo d’ogni forma emozionale ) i dettagli associati al soggetto che rientrano in quello stato d’animo, atto a suscitare e dare valenza all’espressione data. Rimanendo sempre in tema vogliamo farvi notare, per l’appunto, come nel comunicare l’immagine/foto sintetizzi esplicitamente ciò che c’è scritto e quando ci soffermiamo a vederla andando per immagini è come se parlasse chiaramente e definisse il luogo, il tempo e il modo.

Salvatore Cucinotta