Homepage Cultura 11 luglio 1553, l’oltraggio al Cristo Nero

11 luglio 1553, l’oltraggio al Cristo Nero

171

Riceviamo una lettera scritta dal referente della Chiesa Madre di Licata che sottolinea come l’11 luglio sia una data da ricordare anche per l’invasione dei Turchi a Licata, culminata con l’incendio della Chiesa. Ecco il testo della lettera

“Oltre allo sbarco degli Alleati del 1943, un’altra ricorrenza da ricordare nella nostra città, anche se riferita a qualche secolo precedente, è la terribile invasione che i Turchi, alleati con i Francesi, hanno compiuto a Licata l’11 luglio 1553, mietendo tante vittime, distruzione e saccheggiando l’intera città. Da questo tragico evento rientra la devozione e la venerazione verso il Crocefisso Nero, che si può ammirare nella splendida cappella all’interno della Chiesa Madre di Licata. Nonostante gli invasori hanno cercato di dar fuoco e di profanare il Crocefisso, il Cristo non bruciò, rimanendo solo annerito. Fu proprio questo il miracolo, tramandato nei secoli, e che ancora oggi deve essere ricordato, come una delle pagine più tristi ma dense di fede e di devozione della nostra città. In tale occasione, mercoledì 11 luglio in Chiesa Madre verrà fatta memoria di questo evento con la celebrazione di una Santa Messa alle ore 19,00. A seguire un momento di preghiera in riparazione all’oltraggio e alle offese compiute nel passato ed anche di quelle che tutt’ora avvengono verso il Crocefisso”.