CONDIVIDI

Ciascun colore utilizzato nella comunicazione non verbale ha delle funzioni, per l’appunto comunicative che suscita nell’osservatore delle reazioni psicologiche immediate. Questo processo che è possibile analizzare è spesso legato all’emotività e al contesto. Alle volte il colore ha funzione conativa ovvero evoca uno stato di allarme. Referenziale, ci aiuta a cogliere la proprietà e la qualità di cui è costituita un oggetto. Emotiva  quando esprime, seduce, attrae o respinge. Metalinguistica in riferimento ai valori di una tinta, ai fenomeni di contrasto e agli accordi armonici. Di contatto quando cambia in base al tipo o alla quantità di luminosità, attirando così l’attenzione dell’utente. Poetica è quella che cerca un artista di conseguire non solo con la forma e la figurazione. Concludendo, chi vede un certo colore coglie dei valori simbolici e la finalità della variazione del colore e il filo logico continuo e coerente nel loro uso portano ad aumentare la leggibilità, ottenere uniformità informativa, cercare le associazioni emotive.

Salvatore Cucinotta

loading...
CONDIVIDI