CONDIVIDI

Maltrattamenti in famiglia, tentata estorsione, danneggiamenti, minacce e tentate lesioni sono le ipotesi di reato che hanno portato all’arresto di un licatese pregiudicato, D.P. classe 1973, da parte degli agenti del commissariato di Polizia di Licata coordinati dal dirigente Marco Alletto. L’uomo è stato rintracciato da una volante nei pressi dell’abitazione di famiglia con alcune ferite da taglio ad una mano che si era procurato andando in escandescenze in casa. Il pregiudicato è stato arrestato a seguito di una denuncia presentata dagli anziani genitori dopo anni di soprusi. Attualmente si trova rinchiuso presso il carcere di contrada Petrusa a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

CONDIVIDI