CONDIVIDI

Alla presenza delle massime autorità civili e militari, e con la benedizione impartita dall’Arciprete Don Angelo Fracccica, a meno di un anno della sua chiusura per permettere la realizzazione dei lavori di manutenzione straordinaria, è stato inaugurato l’edificio di corso Argentina, sede della Scuola per l’Infanzia “Olimpia”. A tagliare il nastro, dopo il saluto ed i ringraziamenti del dirigente scolastico dell’istituto Comprensivo “G. Marconi”, a cui il plesso Olimpia appartiene, Maurilio Lombardo, e l’esecuzione dell’Inno di Mameli da parte dei bambini che frequentano questa scuola, accompagnati dalla banda Musicale “Amedeo Vella”, sono stati lo stesso dirigente scolastico ed il Sindaco Angelo Cambiano a tagliare il nastro
Quattro le sezioni di scuola materna ospitate all’interno del plesso Olimpia.
Grazie alla realizzazione di questi lavori di manutenzione straordinaria, l’edificio che ospita il plesso “Olimpia”, risponde ai canoni previsti dalla vigente normativa in termini di sicurezza ed autonomia energetica, grazie alla collocazione di pannelli solari per la produzione di energia elettrica, che permetteranno di produrre energia pulita e risparmiare sulla bolletta e il sistema di impianto solare termico per la produzione di acqua calda per i sanitari. Inoltre, è stata realizzata una apposita cisterna per la raccolta ed il riutilizzo delle acque piovane, da destinare esclusivamente agli scarichi del WC., così come è stata effettuata la ristrutturazione esterna dell’edificio con collocazione di cappotto con materiale bio-eco compatibile, la sostituzione dei vecchi infissi con nuovi a taglio termico e muniti di vetri a doppia camera contenete argon.

“Desidero esprimere l’ennesima soddisfazione dell’Amministrazione comunale, per il risultato raggiunto oggi con l’inaugurazione della scuola dell’Infanzia Olimpia, che si aggiunge, in materia di edilizia scolastica, a quelle degli asili nido Sant’Angelo (dopo una lunga chiusura durata ben sette anni), e San Giuseppe, e a tutta una serie di altre strutture quali il Museo Archeologico della Badia, la Guardia Medica di Piazza Regina Elena, il recupero di diversi spazi verdi sparsi all’interno del centro abitato – è il commento del sindaco Angelo Cambiano che parla – La soddisfazione odierna nasce anche dal rispetto dei tempi nell’esecuzione dei lavori e di quanto altri necessario perchè il plesso di corso Argentina, dopo meno di un anno della sua chiusura per la totale ristrutturazione, fosse restituito all’utenza. E di questo ringrazio tutti quanti hanno collaborato in tal senso, con impegno e professionalità”.

CONDIVIDI